Ricambi CHRYSLER - Seleziona il modello

Trova tutti i ricambi auto della tua  CHRYSLER, e compra on line i ricambi CHRYSLER , per effettuare sia la manutenzione che una riparazione intelligente, efficiente e sicura. Tutti gli annunci dei ricambi auto e gli accessori per la tua vettura ti conducono sul nostro sito primo in Italia per vendita ricambi auto.
I prezzi ricambio CHRYSLER migliori del web accompagnati dalla qualità di 65 marchi tra i più importanti del mercato dei ricambi auto. I ricambi originali CHRYSLER e ricambi di concorrenza CHRYSLER, originali nel senso che montati di primo impianto originale, di concorrenza o altrernativi che hanno le stesse caratteristiche meccaniche e funzionali. Puoi restituire senza nessun costo gli acquisti effettuati rispedendoli entro 15 giorni dal ricevimento.
Garanzia dei ricambi CHRYSLER dal costruttore di due anni.
Spedizione ricambi CHRYSLER effettuata in 24/48 ore e con un costo di spedizione a partire da 5,99 Euro.

Ricambi CHRYSLER

ricambi CHRYSLER

Chrysler

FCA US LLC, conosciuta anche come Fiat Chrysler o semplicemente Chrysler è la filiale americana di Fiat Chrysler Automobiles NV, un produttore automobilistico controllato italiano registrato nei Paesi Bassi con sede a Londra, Regno Unito, a fini fiscali. FCA US è uno dei "Big Three" produttori di automobili americani. FCA US ha sede a Auburn Hills, Michigan e vende veicoli in tutto il mondo sotto il suo marchio di punta Chrysler, così come Dodge, Jeep e Ram Trucks. Altre divisioni principali includono Mopar, la sua divisione parti e accessori per automobili e SRT, la sua divisione automobilistica di prestazioni.

La Chrysler Corporation è stata fondata da Walter Chrysler nel 1925, da quello che rimane della Maxwell Motor Company. Chrysler si è ampliato notevolmente nel 1928, quando Mr. Chrysler, che in passato ha lavorato per Buick, ha acquisito la società di camion Fargo e la Dodge Brothers Company e ha iniziato a vendere veicoli sotto tali marchi; Nello stesso anno ha anche istituito le marche automobilistiche Plymouth e DeSoto. Gli sforzi di diversificazione del marchio sono stati ispirati dal tempo di Mr. Chrysler che lavora per General Motors, con un'enfasi sulla gerarchia del brand.

Di fronte ai declini del dopoguerra nella quota di mercato, nella produttività e nella redditività, mentre GM e Ford erano in crescita, Chrysler ha preso in prestito 250 milioni di dollari nel 1954 da Prudential per pagare l'espansione e le progettazioni di auto aggiornate.

Negli anni '60 la società si espande in Europa, assumendo il controllo di società automobilistiche francesi, inglesi e spagnole; Chrysler Europe è stata venduta nel 1978 a PSA Peugeot Citroën per $ 1.

Chrysler ha lottato negli anni '70 per adattarsi ai cambiamenti dei mercati, a una maggiore concorrenza negli Stati Uniti d'importazione e alla regolamentazione della sicurezza e dell'ambiente. La società ha iniziato una partnership di ingegneria con Mitsubishi Motors e ha iniziato a commercializzare i veicoli Mitsubishi denominati Dodge e Plymouth in Nord America. Verso la fine degli anni '70, Chrysler era sulla punta del fallimento e fu risparmiato da 1,5 miliardi di dollari in garanzie di prestito del governo statunitense. Il nuovo CEO di Lee Iacocca è stato accreditato con la restituzione della società alla redditività negli anni '80. Nel 1985, Diamond-Star Motors è stato creato, ulteriormente ampliando il rapporto Chrysler-Mitsubishi.

Nel 1987, Chrysler ha acquistato American Motors Corporation (AMC), che ha portato il marchio Jeep redditizio sotto l'ombrello Chrysler.

Nel 1998, Chrysler si è fusa con il fabbricante di automobili tedesco Daimler-Benz AG per formare DaimlerChrysler; La fusione ha dimostrato controversa con gli investitori e Chrysler è stato venduto a Cerberus Capital Management e ha rinominato Chrysler LLC nel 2007.

Come gli altri produttori di automobili Big Three, Chrysler è stato colpito duramente dalla crisi del settore automobilistico 2008-2010. L'azienda è rimasta in attività grazie a una combinazione di negoziati con i creditori, presentando la riorganizzazione del fallimento capitolo 11 del 30 aprile 2009 e partecipando ad un salvataggio del governo statunitense attraverso il Troubled Asset Relief Program. Il 10 giugno 2009 Chrysler è uscito dalla procedura di fallimento con il fondo pensionistico United Auto Workers, Fiat S.p.A. e con i governi degli Stati Uniti e del Canada come principali proprietari. Il fallimento ha portato a Chrysler inadempiente a oltre 4 miliardi di dollari di debiti. Entro il 24 maggio 2011, Chrysler ha finito di restituire i suoi obblighi al governo degli Stati Uniti cinque anni prima, anche se il costo per il contribuente americano è stato di 1,3 miliardi di dollari. Nei prossimi anni Fiat acquisisce gradualmente le azioni delle altre parti, rimuovendo in gran parte il peso dei prestiti (che hanno portato un tasso di interesse del 21%) in un breve periodo. Il 1  gennaio 2014, Fiat S.p.A ha annunciato un accordo per acquistare il resto di Chrysler dalla fiducia sanitaria del pensionato United Auto Workers. L'accordo è stato completato il 21 gennaio 2014, facendo di Chrysler Group una filiale di Fiat S.p.A. Nel maggio 2014, la Fiat Chrysler Automobiles, NV è stata fondata fondendo Fiat S.p.A. in azienda. Questo è stato completato nell'agosto 2014. Chrysler Group LLC rimase una controllata fino al 15 dicembre 2014, quando è stata rinominata FCA US LLC, per riflettere la fusione di Fiat-Chrysler.